Lingue

Emporio Sicomoro

Emporio Sicomoro
Anno: 
2006
Tipologia: 
Commerciale
Località: 
Torino
Committente: 
Sicco 2004 srl
Progetto: 
BSA
Direzioni lavori: 
BSA

Il progetto nasce dalla volontà di rivisitare il concetto di “emporio vecchio stile”, continuando il percorso concettuale iniziato nel 2003 con il Ristorante Sicomoro, capace di unire funzioni ristorative con elevate caratteristiche architettoniche e di design, e portato avanti negli anni con l’Opificio di Rivoli e La Rotonda di Torino Esposizioni.
L’ambiente progettato da BSA, BottegaStudioArchitetti, si articola in tre spazi: due sale espositive collegate tra loro e una sorta di retro, con l’esposizione delle spezie dove vengono confezionati i prodotti.
Le due principali stanze vengono messe in relazione (negli intenti e visivamente) da una coppia di binari d’acciaio e due sedi a pavimento, che consentono lo scorrimento di quattro porte scorrevoli in grado di delimitare delle zone espositive.
In prossimità dell’ingresso si trova la parete delle acque minerali; un espositore realizzato in Valchromat nero cerato (lo stesso materiale del pavimento e dei banconi) composto da 50 mensole espositive per altrettante bottiglie, illuminate dai 50 led a luce bianca cablati all’interno di ciascuna mensola.
Centoventi led, cablati invece all’interno degli scaffali, illuminano le oltre 1.000 specialità eno-gastronomiche proposte dall’Emporio mentre i montanti in vetro strutturale sostengono il peso proprio delle mensole in valchromat e dei prodotti esposti, oltre a sorreggere le travi-binario e le porte che scorrono su di queste.
Oltre al volume centrale si incontrano le pareti frigorifero, capaci di mantenere tre differenti temperature interne, raffrescate da tre motori remoti. Le ventole interne garantiscono l’uniformità della temperatura mantenuta dalle sette ante vetrate a tutt’altezza, realizzate completamente a misura (dim. H 260 x L 70 cm), che conservano i prodotti freschi. Una controparete in lamiera stirata di alluminio regola il filo della pareti frigo ed ha consentito di far passare gli impianti elettrico e di climatizzazione esternamente senza intaccare i muri perimetrali dell’edificio storico in cui si trova l’Emporio.
Un sobrio decoro “ton su ton” della pavimentazione rivela all’occhio attento i profili di un planisfero, pantografato sulle lastre in valchromat del pavimento.
Concessioni all’immagine fotografica sono i quattro pannelli verticali in vetro temperato su cui si leggono, in sale diverse, citazioni di Oscar Wilde, Roger Waters (Pink Floyd) Vassili Kandinsky e Jim Morrison.